martedì 10 aprile 2018

Cuntu: "Ho visto cose... al largo dei Bastioni di San Pietro"


In attesa di superare le forche caudine del metal detector per immergermi nelle raffinatezze dei pittori fiamminghi - in questi giorni ospitati nella Sala Montalto - sosto, implotonato con un centinaio di turisti giapponesi, russi e alpigiani, sulla piattaforma lignea che dalla biglietteria conduce agli ingressi posteriori del Palazzo dei Normanni. Ad un tratto, una raffica di clic mi fa sobbalzare. Percorro con lo sguardo la direzione degli obiettivi e vedo cose che voi lettori non potreste immaginare: nell'angolo meridionale del  cinquecentesco Bastione San Pietro, all'ombra dei centenari pini del giardino pensile, si erge una costruzione color beige antico, con copertura (apparentemente "etrusca") in terracotta ed una teoria di alette crystal white che nel chiudere le ampie finestre a mo' di tapparelle lasciano fuoriuscire verso la Reggia un mozzicone di "catuso" squincio. Tutti i presenti azzardano ipotesi sulle origini del manufatto. Nella babele colgo l'opinione di un tirolese che afferma trattarsi di opera composita che raccoglie, in un unicum armonioso, culture e stili di quanti nei secoli in quel luogo trovarono ricetto: Elimi, Greci, Fenici, Romani, Cartaginesi, Vandali, Ostrogoti, Bizantini, Arabi, Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi, Spagnoli, Austriaci, Borbonici, Savoiardi... ARSiliani.
A me - perfetto profano in materia di architettura, arte e storia di quel sito - sembra solo un obbrobrio d'oggidì che sta dove non dovrebbe stare. Lo skyline del bastione cinquecentesco, infatti, grida vendetta; mentre le mura normanne - palesemente fatte d'altra pasta - grondano lacrime di sconforto. Poi però - contagiato da cotanto massivo entusiasmo - in un moto di francescana umiltà, mi dico: "in fondo, in fondo chi sono io per giudicare?". E, impugnata la mia reflex lanzichenecca, immortalo (di squincio) quel pezzo di bellezza unica.

 



Prima e dopo


Foto e cuntu semiserio di Leo Sinzi (zio-silen)

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per finalità esclusivamente personali e "non commerciali" CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE: «www.palermodintorni.blogspot.it».
La copia è parimenti negata a chi, a qualunque titolo, intenda farne uso a scopo di lucro.
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Complimenti per il suo buon gusto estetico e per il Blog.
Quel titolo mi ricorda qualcosa...


Vincenzo Lodis

Leo Sinzi (zio-silen) ha detto...

Grazie, Vincenzo.
In effetti il titolo (ma anche un tratto del testo) partendo - per associazione di idee - dal termine "bastioni" fa un po' il verso all'androide Roy Batty che nel film (cool) di fantascienza "Blade Runner" (1982) delizia lo spettatore con questo famoso monologo:

«Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione,
E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo...
come... lacrime nella pioggia.
È tempo di morire.»

Don Draper ha detto...

E, in fin dei conti, di cosa si tratta? Sarà il caso di fare una specifica istanza di accesso civico per sollecitare chi di dovere a delle verifiche?

Leo Sinzi (zio-silen) ha detto...

Ringrazio Don Draper per il commento.
Quanto alle sue domande, per il momento, rimangono senza risposta.