venerdì 15 dicembre 2017

Poesia di Natale: "Vigilia 'n Palermu"


Vigilia ri Natali 'n Palermu

Prìu la Santuzza rintra 'a Cattidrali
e trasu a Baddarò pi tampasiàri.

'U Zu Cecè mi viri e arricàma:
«c'è l'arbulu i Natali ô Pulitiàma!
 

Palermu nta 'sti jorna s'arruspìgghia
metti 'a curùna 'n testa e la pruvìgghia;
lassa a lu chiusu armuàri e matarazzi
nne chiazzi stiddi russi e janchi, a mazzi.

Ô furastèru a carni nun ci arrìzza:
Musèu sbarrachiàtu, 'un c'è munnizza...
e comu rissi 'a vecchia ri l'acìtu
"megghiu nun catamiàri lu tappìtu".


Nto Cassaru cchiù vàsciu... tutti a pèri,
sunnu priàti puru i puntunèri.
E 'u Vinticincu cursa ri li sacchi».
'A Za Cuncetta: «ma chi nicchi e nacchi!».


 

Versi natalizi e foto di Leo Sinzi (zio-silen)


___________________ .
TRADUZIONE PER I NON SICULI 

Vigilia di Natale a Palermo

Prego la Santuzza dentro la Cattedrale
e vado a Ballarò a bighellonare. 
Lo zio Cecè mi vede e ricama: 
«c'è l'albero di Natale al Politeama!

Palermo in questi giorni si risveglia
mette la corona in testa e la cipria;
lascia al chiuso armadi e materassi
in piazza stelle rosse e bianche, a mazzi.

Al forestiero non accappona la pelle:
Museo spalancato, non c'è immondizia...
e come disse la vecchia dell'aceto
"meglio non sollevare il tappeto".


Nel Cassaro più basso... tutti a piedi,
sono contenti pure i "puntuneri"*.
E il Venticinque corsa dei sacchi
».
La Zia Concetta:
«ma chi nicchi e nacchi»*



*"Puntuneri": Vigili urbani.

*"Chi nicchi e nacchi" è espressione dialettale derivante dal latino "nec hic, nec hoc" (né questo nè quello), 
qui nel significato di "non c'entra niente con il Natale", "è fuori contesto".



 

2 commenti:

carmelo ha detto...

Bellissima , i giovani purtroppo non conoscono il nostro dialetto:Ha pensato di inserirla i FB ? Congratulazioni

Leo Sinzi (zio-silen) ha detto...

Grazie Carmelo.

Buon Natale