giovedì 9 febbraio 2017

I versi di Leo Sinzi: "Parliamo di cicoria"


Parliamo di cicoria

Radicchio, catalogna, cicorione.
Nel campo insieme, simili e diverse:
grugnetto, pisciacane, gambarossa…

Il fiore è azzurro, la radice grossa
grassa, a fittone. La foglia lanceolata
poche frastagliature, un po' appuntita
minuscola peluria, abducente
stelo rossastro, eretta, liscia. Al dente
 

gentile da gustare negli inverni.
La radicale umida d'umori

morbida, succulenta.
Sfiziosa coi cicciòli e la polenta.

Terreno arato, germoglio assicurato!
Migliori le arature a fine estate.

E quando, ultimata la raccolta,
assaggio la "pelosa"
condita sol con olio e sale fino
il suo sapore sento, sopraffino.
E levo ad essa il calice di vino.




Esercizio poetico di Leo Sinzi/zio-silen ispirato e, in parte, tratto dal racconto di Fred
 pubblicato il 7 Febbraio 2017 nella Vetrina del Club dei Poeti.  

Foto di Leo Sinzi 





Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per finalità esclusivamente personali e "non commerciali" CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE: «www.palermodintorni.blogspot.it».

La copia è parimenti negata a chi, a qualunque titolo, intenda farne uso a scopo di lucro.

Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.
 

2 commenti:

ardori serafci ha detto...

Gentilissimo Signo Leo Sinzi, ti scrivo per congratularmi per il tuo lavoro di sensibilizzazione e diffusione del patrimonio artistico monumentale e storico della Sicilia. Ho visitato e letto la pagina relativa alla Basilica della Maddalena presso la Legione dei Carabinieri - porta Nuova. Leggendo ho notato qualche lacuna, poiché sono lo scultore del Cristo in terracotta di cui tu dici non avere la ferita al costato , desidero darti la certezza che la ferita c'è se tu lo desideri ti invio un dettaglio ingrandito. Inoltre sono lo scultore anche dell'Aquila con il libro dei caduti dell'Arma, sono anche l'autore dell'altare - Ciboriocon il bronzo dell'agnello, ma anche del tabernacolo in bronzo. Inoltre sono anche l'autore del rifacimento dei capitelli : esterno angolare e delle due absidi interne. Mi scuso e ti prego non c'è nessuna polemica se lo ritieni opportuno integrare, per ulteriori conferme puoi contattare la Legione Carabinieri o il Cappellano stesso . Con stima per il tuo prezioso lavoro, GESUALDO VENTURA
mail- frategesualdo@gmail.com

Leo Sinzi (zio-silen) ha detto...

Egregio Gesualdo Ventura, nel ringraziarti per la cortesia, Ti suggerisco di riproporre il commento che precede in calce al Post afferente la Chiesa di Santa Maria Maddalena. Ne costituirà autorevole integrazione.
Ho depennato la didascalia posta a corredo dell'immagine del Crocifisso in quanto non documentata ma frutto di semplice impressione visiva.

Cordialità

Leo Sinzi