domenica 11 dicembre 2016

Le poesie di Leo Sinzi (zio-silen): "Natali puvireddu"


Natali puvireddu

Friddu ri nivi, chianci 'u puvirazzu.
Livanti, senza gana, lassa 'u jazzu.
Lu greggi ci rubaru ò pastureddu.
Nta stadda nun c'è voi, mancu asineddu.

'U Bammineddu cu l'occhi sgriddati
talìa lu munnu. Peppe è scuncirtàtu.
Mariuzza, matri vergini spiciali,
junci li manu pi scacciari 'u mali.


'N celu 'na stidda, 'n terra dispiranza:
zampugna, acqua frisca, ammara-panza.
La nivi janca, linna ri piccati,
si fa lorda ri passi scunsulati.


(Versi e foto di Leo Sinzi)

_____________________.


Natale poveretto

Freddo di neve, piange il poveretto.
Levante, senza gana, lascia il letto.
Il gregge hanno rubato al pastorello.
Nella stalla non c'è bue, neanche asinello.


Il Bambinello con gli occhi sbarrati
guarda il mondo. Peppe è sconcertato.
Mariuccia, madre vergine speciale,
giunge le mani per scacciare il male.

In cielo una stella, in terra disperanza:
zampogna, acqua fresca, "ammara-panza"*.
La neve bianca, linda di peccati,
si fa sporca di passi sconsolati.




*"Ammara-panza"= Cibi scadenti atti, comunque, a riempire la pancia.




Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

Nessun commento: