mercoledì 16 marzo 2016

Le poesie di Leo Sinzi: "Ovu di Pasqua"


Ovu di Pasqua

L'ovu cchiù beddu vogghiu accattàri
cu 'na surprisa: occhi pì taliari
'a  luminara tornu a 'na Crucidda. 


'U Figghiu mori. 'U Patri s'abbicìna,

manu nta manu 'n celu si Lu porta.
Dici: «li viri? sunnu mischineddi
'a stissa carni, cancia 'u ciriveddu: 


sciarri, catunii, guerra ntra li genti
cu ferru, focu, granni patimenti.
Ancora 'un sannu - tempu è di pàsciri  -
ca l'Omu è mortu p'iddi rinàsciri».



TRADUZIONE PER I NON SICULI 


Uovo di Pasqua

L'uovo più bello voglio comprare
con la sorpresa: occhi per guardare
la luminaria intorno alla Croce.

Il Figlio muore. Il Padre s'avvicina,
mano nella mano in cielo se Lo porta.
Dice: «li vedi? sono poveretti
stessa origine, mille diversità:

baruffe, scontri, guerra tra le genti
con ferro, fuoco, grandi patimenti.
Ancora non sanno - è tempo di nutrirli -
che l'Uomo è morto per loro rinascere».


(Leo Sinzi)






Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

Nessun commento: