lunedì 7 dicembre 2015

Le poesie di Leo Sinzi (zio-silen): "Focuranni medievali"


Corsi e ricorsi...
_________________________.


Focuranni medievali

St'Evu ri menzu nun finisci cchiùni.
Maistà, pitìttu assai ntra li cantuni!


('ppetitus... latinorum ri parrìnu).           
'A genti m'ama comu l'Unu e Trinu.


...

Currìti!! 'n chiazza c'è 'a rivoluziuni!!


Li cani ci assaiàru ò Re latruni?
 
Cumpari, Vui ci siti o cugghiunàti?
Pì Chiddu nun ci sùnnu varricàti.

Allura 'stu pòpò ri focurànni?

 
La corda si rumpìu doppu tant'anni:
fujèru 'u stazzu pecuri e crasteddu
pì gghiri, chi sò peri, a lu maceddu.


____________________.


Grande squasso medievale

St'Evo di mezzo non finisce più.
Maestà, si muor d'inòpia colàggiù.
 


(Inopia... latinorum da pretino).
La gente m'ama come l'Uno e Trino.


...

Correte!! in piazza c'è 'a rivoluzione!!
 

Mastini aizzati contro il Re ladrone?
Compare, Voi ci siete o folleggiate?
Per Quello non ci sono barricate.


Allora questo gran sommovimento?
La corda si spezzò col far del tempo:
le pecore, l'ariete fuggirono il catoio

per correre, spediti, al mattatoio.


_____________.
Personaggi:
- Re
- Consigliere del Re
- Compare del Consigliere del Re 
- "Pecore"


Versi di Leo Sinzi (zio-silen)


Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.
 

Nessun commento: