venerdì 27 novembre 2015

Le poesie di Leo Sinzi (zio-silen): "Ombre"



Ombre di passo fuggono la luna
inseguono madonne. Appese al cielo
irridono, cantando, la mia pena.
Danzano con Spavento tra le mani.

"Vieni!". Singulto mescolato al vento
sono l'agnello in cerca dell'armento.
Nnannùzza dove sei? Dove ti trovo?
La notte inghiotte uomini là fuori.

Iersera vecchio. Bimbo stamattina.
Rincalzi la trapunta al mio cuscino.
Apro la bocca: aria novembrina...

carezza il sole. La colomba bianca
s'annida nella testa e nel cuore...
di mille e più colori mi consola.


___________________________


Ummiri

Spirdi ri passu fùjunu la luna
'ssicutanu maronni. 'Mpinti 'n celu
babbìanu, cantannu, la me' pena.
Abbàllanu cu Scantu ntra li manu.

"Veni!". Sugliùzzu mmisculàtu ò ventu
sugnu agnidduzzu 'n cerca ri l'armentu.
Nnannùzza dunni si'? Dunni ti trovu?
'A notti agghiutti omini ddà fora.

Arsira vecchiu. Nìcu stamatina.
'Ncapìzzi lu chiumàzzu a' cuttunìna.
Rapu la vucca: aria nuvimbrina...

mmizzìgghia 'u suli. 'A palumma janca
s'annìra ntra la testa e nta lu cori...
ri milli e cchiù culuri mi cunsola.




Versi di Leo Sinzi (zio-silen)





Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.




Nessun commento: