venerdì 2 ottobre 2015

Le poesie di Leo Sinzi: "Rùmmulu"


Rùmmulu

Scinnìu, santiannu, dalla sò muntagna;
li corna 'n testa, lu vastùni 'n pugnu:
«Iddi sunnu latrùna, ju nun lu sugnu;
corpu di sangu a 'sti magna magna!».

 

Lu 'ntisi Febu ca viri luntanu:
«mutu, carusu. Basta cugghiunàri!
Latri a lu suli e ntra negghia macàri.
Addisiàri lu mali nun è sanu,

 

porta raggia 'nto cori e ntra la menti,
spinna li ali a chiddi senza nasu,
mmarra paroli a cu parra vastàsu,
tagghia lu nerbu all'omini possenti».

 

Lu barbaru si misi 'u parrapìcca,
si livò l'elmu e puru li spuntùna,
iccò lu lignu e, nudu sutta 'a luna,
vagnò di lacrimuna 'a terra sicca.




Rumore

Scese, bestemmiando, dalla sua montagna;
le corna in testa, il bastone in pugno:
«Loro sono ladroni, io non lo sono;
morte colpisca questi magna magna!».

 

Lo sentì Febo che vede lontano:
«zitto, ragazzo. Basta coglionare!
I ladri al sole stanno ed anche nella nebbia.
Desiderare il male non è sano,

 

porta rabbia nel cuore e nella mente,
tarpa le ali a quelli senza naso,
toglie favella al querulo pacchiano,
consuma il nervo agli uomini possenti».

 

Il barbaro s'impose di tacere,
si tolse l'elmo e pure i pungiglioni,
buttò il legno e, nudo sotto la luna,
bagnò di lacrimoni la terra secca




Versi e foto di Leo Sinzi (zio-silen)



Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

Nessun commento: