mercoledì 22 luglio 2015

Oggi leggiamo Giovanni Meli: "La Vucca"


La vucca

Sti capiddi e biundi trizzi
sù jardini di biddizzi,
cussì vaghi, cussì rari,
chi li pari nun ci sù.
Ma la vucca cu li fini
soi dintuzzi alabastrini,
trizzi d’oru, chi abbagghiati,
perdonati, è bedda chiù.

Nun lu negu, amati gigghia,
siti beddi a meravigghia;
siti beddi a signu tali
chi l’uguali nun ci sù.
Ma la vucca ‘nzuccarata
quannu parra, quannu ciata,
gigghia beddi, gigghia amati,
perdonati, è bedda chiù.

Occhi, in vui fa pompa Amuri
di l’immensu so valuri,
vostri moti, vostri sguardi
ciammi e dardi d’iddu sù.
Ma la vucca, quannu duci
s’apri, e modula la vuci,
occhi... Ah vui mi taliati!...
Pirdunati, ‘un parru chiù.


(Giovanni Meli)



Postata da zio-silen

Nessun commento: