giovedì 11 giugno 2015

Le poesie di zio-silen: "Il mostro"




Il mostro

Credevo fosse umano
eppure sentivo
l'odore bestino
lo squittio malato
gli stecchi in percussione.

E poi lo scroscio:
neuroni vomitati e sfere
nelle fosse bombardate.

Ora incombe.

Pupille rosse d'osso
bifocale
la bocca spande gocce
di pitale
gli artigli stretti al legno
di ramino e giù
colpi su colpi
malandrini.





Versi di zio-silen



Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.


 

1 commento:

Anonimo ha detto...

Somiglia tanto ad un mio vicino di casa.

Complimenti.

Sandro