martedì 3 febbraio 2015

Le poesie in vernacolo di zio-silen: «Mmèrnu»


 Il Mongibello (l'Etna) visto da Prizzi.
 Mmèrnu

Casuzza janca 'n pizzu a lu sbalancu:
'a turri, scampaniànnu, batti l'ura.
Scàvusu, giarnu, cercu cugnintùra.
S'appàgna, scavucia lu Muncibeddu.

Chiòvu chiantàtu nta la cantunèra
firrìu comu 'na strùmmula pizziàta;
cumànnu nun ci sta, né simanàta,
nta 'stu frivaru ru cinquantasei.

Piulìanu cicchitèddi nta l'agnùni
- lu nidu, 'nnivicàtu, s'acchiaccàu -
l'aluzzi stritti, 'a vucca sbarrachiàta:
'a cutri muddichèddi vurricàu.

Ntra la sacchètta 'bbrucia lu cutèddu:
tàgghiu pitittu, celu, fantasia;
'n terra cògghiu murtìdda e pampinèddi.
S'appàgna, scavucìa lu Muncibeddu.


Inverno

Casetta bianca sull'orlo del baratro:
la torre, scampanando, batte l'ora.
Scalzo, smorto, cerco fortuna.
S'adombra, scalcia forte il Mongibello.

Chiodo piantato nella cantonata
giro come una trottola ferita;
non c'è lavoro, manca il pane,
in questo febbraio del cinquantasei.

Pulcini pigolano in un angolo
- il nido, innevato, è appeso a un filo -
l'ali serrrate, la bocca spalancata:
la coltre ha seppellito le mollichine.
 

Nella tasca brucia il coltello:
taglio fame, cielo, fantasia;
raccolgo da terra mortella e foglie.
S'adombra, scalcia forte il Mongibello.




Versi di Peppino C./zio-silen
Foto di Fabiuss 

 Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE (www.palermodintorni.blogspot.it).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: