lunedì 17 novembre 2014

Poesia in vernacolo di zio-silen: «Voscenza binirica»

Nella foto: particolare dell'opera dello scultore ragusano Nunzio di Pasquale.



Voscenza binirica

Aieri mi nni jvu, a passu 'i nannu,
sutta 'u palazzo di lu re nurmannu;
nto chianu - comu mi 'nsignò Voscenza -
cu nomi ri ligènna: "Indipendenza".

Bannèri ò ventu, 'n testa a 'na ciumàna:
«vulemu cincu liri, la simàna!!».
Viddàni, 'n manu favuci, furcuni,
panàri cu cachì, ova e limuni.

Ju 'ncrucchiulùtu, riùnu ri tri gghiòrna,
ò sciupiranti: «lu cuntu nun torna,
cu quattru liri licchi lu mustazzu;
ju e li me' figghi 'n vucca pruvulàzzu».

«'Na muffuletta - sarda a mari: schitta -
si m'arrjalàti nun sarìa minnìtta».
Voscenza rrìri? 'I cani m'assaiàru,
mancu fussi la vurpi nto puddàru.


Voscenza benedica

Ieri sono andato, con passo di vecchio,
sotto il palazzo del re normanno;
nella piazza - come m'insegnò Vostra Eccellenza -
con nome di leggenda: "Indipendenza".

Bandiere al vento, in testa a una fiumana:
«vogliamo cinque lire, a settimana!!».
Braccianti, in mano falci, forconi,
canestri con cachi, uova e limoni.

Io rinsecchito, digiuno da tre giorni,
allo scioperante: «il conto non torna,
con quattro lire ti lecchi i baffi;
io ed i miei figli in bocca solo polvere».

«Una pagnotta - sarda a mare: scondita -
se me la regalate non andrà sprecata».
Vostra Eccellenza sorride? I cani hanno aizzato,
manco fossi la volpe nel pollaio.
 

Versi di Leo Sinzi/zio-silen

Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: