venerdì 18 luglio 2014

Le poesie di zio-silen: "Armuzza janca"



Armuzza janca

L'infami s'arruspìgghia 'nto sò lettu,
galera mai nni fa. L'armuzza janca
ca manu ritta strinci lu pricettu
e cu la manca battulìa lu pettu.

Cca nuddu è tintu. 'U latru, 'u malantrinu
accussì sunnu: 'prìcciu ri natura.
'Un t'abbiliàri, nenti si pò fa,

a curpa è sempri ri la società.


Traduzione:

L'infame si risveglia nel suo letto,
galera lui non fa. L'anima bianca
con mano dritta stringe il precetto
e con la manca si batte il petto.

Qua nessuno è cattivo. Il ladro, il malandrino
sono così: capriccio di natura.
Non t'angustiare, niente si può fare,
la colpa è sempre della società.



Versi di Peppino C./zio-silen

Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: