venerdì 7 marzo 2014

Le poesie di zio-silen: "Surfararu"



Surfararu


S'addummiscìu lu suli 'sta matìna.

Chi bedda sinfunìa: pìcchiu, duluri -
terra surata e sangu - scupittàti -
viddani 'ncatinàti - paci 'n guerra.

Cantannu - lèggiu - di lu pani amaru,
'u ventu si pigghiò lu surfararu.
S'annàcanu muréddi di rispettu;
stràscinu nuci, d'oru l'ancilèddu.

Chianci, cerca risettu, 'u cacanìru;
aspietta luminàra... 'i ràggia aggìgghia.

Chistu è lu fattu: 'u suli 'un s'arrivìgghia.


_________________________

_________________________

VERSIONE  PER NON SICULI


Zolfataro


Si è addormentato il sole stamattina.

Che bella sinfonia: lamento, pena -
terra sudata e sangue - fucilate -
braccianti 'ncatenati - pace in guerra.

Cantando - piano - di quel pane amaro
il vento portò via lo zolfataro.
Vanno d'ambio i morelli all'occasione;
carretto in noce, d'oro il cherubino.

Piange, cerca conforto, il cacanido;
attende luminaria e... d'ira agghiaccia.

Questo è il fatto: il sole non s'affaccia.


Versi di Leo Sinzi (zio-silen)
Foto di Fabiuss

Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: