martedì 3 dicembre 2013

Surrùscu matinièru


Surrùscu matinièru

Matri,
occhi granni ri malincunia.
Portu sicùru. Ciàuru 'i raù
- 'u focu vàsciu - a murmuriàri, uri.
Li vrazza russi, sicrèti duluri.
Amuri 'mmènsu, sciùsciu ri lu ventu
ca mi vasava, léggiu, nta la frunti.

E comu lassa 'u niru lu 'mpinnàtu
sbattennu li sò aluzzi, 'mparpagliàtu
ju sbulazzàvu - pàssaru di mmernu -
supra 'na statua 'i sali. «Ccà mi fermu».
E stamatina, ciàvuru ri pani
mi fa sèntiri viva la tò manu,
Patri.

___________________________
VERSIONE PER I NON SICULI


Lampo mattiniero

Madre,
occhi grandi di malinconia.
Porto sicuro. Odore di ragù
- il fuoco basso - a borbottare, ore.
Le braccia rosse, segreti dolori.
Amore immenso, alito di vento
che mi baciava, lieve, sulla fronte.

E come lascia il nido l'impennato
scuotendo le sue ali,  sradicato
io svolazzavo - passero d'inverno -
sulla statua di sale. «Qui mi fermo».
E stamattina profumo di pane
mi fa sentire viva la tua mano,
Padre.



Versi di Leo Sinzi(zio-silen)
Disegno dello scultore ragusano Nunzio Di Pasquale
 

Nessun commento: