martedì 3 dicembre 2013

Le poesie in vernacolo di zio-silen: "Matri e Patri"





Matri e Patri

Matri:
occhi granni ri malincunia.
Portu sicuru e ciavuru 'i ragù:
'u focu vasciu a murmuriari, uri.
'A testa nto cuscinu, e 'u duluri.
Amuri santu, sciusciu ri lu ventu
ca mi vasava léggiu nta la frunti.

E comu batti l'ali l'acidduzzu
ca lassa lu so' niru
ju annirbuliava
- supra li roti e supra lu stratuni -
e Iddu ca spincìa lu picciuttuni:
«acchiana li muntagni, figghiu, è vita! »
E stamatina ciavuru ri pani
mi fa sentiri viva la tò manu:
Patri. 






Versi di Peppino C./zio-silen
Disegno di Nunzio di Pasquale 

 Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.


Nessun commento: