martedì 31 dicembre 2013

'Sta matina vaju lèggiu (Manciuniannu a Baddarò)


'Sta matina vaju lèggiu
 (Manciuniannu a Baddarò)

Lu ventu friscu scaccia li pinseri.
Scurdàti 'i turcigghiùni di l'ajeri
mi mettu a manciuniari, a Baddarò:
 

mennuli e ficusicchi, a sanfasò;
scannaruzzàtu e meusa, pi' mia,
unni Caliddu fa casa e putìa.
E sutta l'occhi ri la "Cuncizioni"
'nu sfinciuneddu pi' meditazioni;

panelli fritti levanu l'affannu,
crocchè c''a rascatura prìu mi dannu.
Di frittula un muccùni; tri arancìni
e centumila ''quagghi'' fini fini.

"A tastu vinnu li muluna rrussi!!
Cu ciàvuru ri bianchi passa 'a tussi!!"
abbannìa 'u Zu Cecè, 'ntusu "Tinuri".
"Racina ruci!" ci arrispunni Turi.
Nn'agghiùttu 'na fiddùna arrifriddàta
e, pi' gradìri, 'nzuolia zuccarata.

S'abbùtta e si lamenta la me' panza
ma làriu è diri "no": mala crianza.
'U gnuri ca zuttìa mancu lu sentu:
cileppu 'nta la vucca; friscu 'u ventu.




Versi di Peppino C./zio-silen
Foto di Fabiuss



'Sta matina vaju lèggiu=Stamattina vado leggero;
Baddarò=Ballarò, antichissimo mercato popolare palermitano;
turcigghiùni=dolori di stomaco, fitte;
manciuniari=mangiare poco e in continuazione;
mennuli=mandorle;
sanfasò=in modo disordinato;
scannaruzzatu=pezzetti di cartilagine tracheale del maiale;
meusa=milza fritta nella sugna;
putìa=bottega;
Cuncizioni=simulacro della Madonna del Carmine;
sfinciuneddu=sorta di pizza, alta due dita, condita con salsa di pomodoro, cipolla tritata, pangrattato e, talvolta, formaggio;
panelli= focaccine sottili - squadrate o tonde - di farina di ceci;
crocchè=polpettine affusolate di patate passate al setaccio, aromatizzate e fritte in olio d'oliva;
rascatura: residui ipercotti di panelle e crocchè attaccati (a strati) alle padelle delle friggitorie, raschiati e venduti a poco prezzo a fine giornata;
prìu=gioia;
frittula=composta di residui di carne (da osso), cartilagini e calletti fritti nella "saimi" (strutto) e conservati - in attesa del buongustaio dallo stomaco d'acciaio - in un panaru (paniere di canne) coperto da un canovaccio. Viene prelevata immergendo la mano nuda, attraverso una piccola apertura, nella gustosa pietanza mantenuta calda all'nterno del recipiente;
muccuni=boccone;
arancini=leccornia siciliana, con varianti provinciali, costituita da un impasto di riso lessato e aromatizzato allo zafferano - cuore di ragù di carne e piselli o mozzarella e prosciutto - cui viene data forma sferica in modo che, in seguito alla frittura in abbondante olio d'oliva (che conferisce alla panatura croccante un colore dorato) ricordi un'arancia;
quagghi=melanzane incise in modo che dopo la frittura assomigliano (con un po' di fantasia) alle quaglie (un tempo cibo per soli ricchi);
a tastu=con l'assaggio;
ciavuru=profumo;
racina=uva;
agghiùttu=ingoio;
fiddùna arrifriddàta=grande fetta servita gelata;
'nzuolia=tipo d'uva con acini dorati, piccoli e dolcissimi;
s'abbùtta=si gonfia come una botte, si stanca;
làriu=brutto
gnuri=cocchiere;
zuttìa=schiocca la frusta
cileppu= sciroppo dolcissimo;

Nessun commento: