martedì 8 ottobre 2013

Le poesie in vernacolo di zio-silen: "Vigghianti 'n sonnu"


Vigghianti 'n sonnu  
spardu lu me' scantu.
L'occhiu firrìu...
Lu vìu.

Ucci russi nta facci;
cannaròzzu arrascàtu;
s'ammuccia 'u celu 'n celu.

Li mammalùcchi, tutti mmisculiàti,
fannu risettu e jazzu ntra la plaja
- mari 'npruvulazzatu -
'nfuddùti pì la funcia ri lu verru
sùcanu vava e rùnfuli purcigni.

Setti Chisuzzi setti li pizzini
setti trummi cu ll'ali.
- Diminiscanzi! -
Arbuli sicchi, 'nchiappàti 'i giurani
e rospi 'n cruci stannu
rasSignati
pì quattru porti (setti?) sbarrachiàti.

S'astùta 'u suli, sentu tracculari.
Pì strata nun si viri pintimentu:
nta li cantuni sulu nuddu e nenti.




Foto e Versi di Peppino C./zio-silen


Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

1 commento:

Roby ha detto...

Originale la tua visione dell'Apocalisse.
Azzeccata la metafora dell'umanità inumana, bestiale (mammalucchi, giurane, rospi) che muove verso l'Armagedon.
Il senso della tragedia acquisisce spessore, anche fonetico, con la scelta del vernacolo.

Complimenti