mercoledì 30 ottobre 2013

Le poesie in vernacolo di zio-silen: "Zorbi virdi"


Zorbi virdi

Beddu Jardinu... crisci la gramigna
'n facci a culonna janca sbraca, alligna.
Cummògghia zazzamìti, tiraciàtu
'mpasturavàcchi vìsciti e minchiùni.
Serbi di Re Frustùni, lu scursùni.

'Ntrunàtu jornu e notti, iddu strammìa:
«'a ggenti àvi pitittu? Fantasia!
Cca l'affamatu sugnu sulu ju.
Cu sconza la mé tavula lu jsu
supra 'a cruci cchiù granni, vi l'inchiovu
ci levu li mutanni, poi l'affucu...»

e li mischìni allonganu lu sucu.
Lu fannu sì, cu vucca allippàta
'nghiuttennu zorbi virdi... 'ncilippati.

__________________________

Sorbe verdi

Bello il Giardino... cresce la gramigna
davanti alla colonna sbraca, alligna.
Nasconde gechi bigi, tirafiato
'mpastoiavacche viscidi e minchioni.
Servi di Re Frustone, lo "scorsone".

Sul trono giorno e notte, lui vaneggia:
«Il popolo è alla fame? Fantasia!
Qua l'affamato sono solo io.
Chi attenta alla mia tavola lo alzo
sulla croce più grande, ve l'inchiodo
gli levo le mutande, poi lo affogo...»

ed i vassalli allungano il sugo.
Lo fanno sì, con bocca impastata
inghiottendo sorbe verdi... sciroppate.


__________________________
*Tiraciàtu: "Gongilo". La leggenda narra che
il "succhiarespiro" - un lucertolone della famiglia
degli Scincidi - attratto dall'odore del latte materno,
entri nelle bocche dei neonati, soffocandoli.

'Mpasturavacchi: "Cervone". Secondo credenza
popolare è un serpente (famiglia dei Colubridi)
che adora il latte delle vacche, alle cui mammelle si
attacca risalendone le zampe e, conseguentemente,
impastoiandole.

Scursuni: "Frustone". Questo Serpente,
nella stagione degli amori, è particolarmente
irritabile, tanto da "frustare" con la coda
chiunque gli capiti a tiro. Sarà vero?


Versi di Leo Sinzi/zio-silen

Foto di Leo Sinzi/Fabiuss



Nessun commento: