giovedì 19 settembre 2013

Le poesie in vernacolo di zio-silen: "Lu megghiu tempu"



Lu megghiu tempu

Ajeri, nta finiestra, un  vicchiareddu
- criditici! mi parsi accussì beddu -
gridau, arraggiatu, comu nu liuni:
'taliani ribillativi a miliuni,
pinsati all'oru ri lu megghiu tempu.

Ci pensu anticchia... oru? mai nni vitti,
però m'arricurdai trona e saitti.
Lu malu tempu nun finiva mai.
"Cristiani" assammarati? assai assai.






Foto e Versi di Peppino C./zio-silen


Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Poesia di grande attualità esaltata dal dialetto.
Azzeccate le metafore!

zio-silen ha detto...

Sì, effettivamente l'ironia, insita nelle metafore di questo mio componimento, nasce dall' osservazione dei comportamenti di vecchi leader politici che credono (sbagliando) di interpretare (ancora) gli umori della gente.
Costoro dimenticano, però, una verità elementare che la saggezza popolare così compendia: "Bon tempu e malu tempu 'un dura tutt'un tempu".