sabato 7 settembre 2013

Le poesie di zio-silen: «Lu principi e lu latru»


Lu principi e lu latru

Lu carciratu canta a vuci forti:
«mio Presidenti, t'offru la me sorti.

Tri anni a lu 'Cciarduni, p'un chilu di luppina
pì me muggheri 'ncinta, Catarina,

ca ci vinni lu spinnu e nun sapìa
ca la "Giustizia" 'nsirrò sulu a mia.

Tri anni puru a Iddu: ancora nun ci criu!!
Lu celu chianci: fussi un veru diu?

Apostuli, maronni, si strazzanu li vesti.
Pie fimmini, maléne, già vigghianu li resti.

Pì sì e pì no mi fazzu centu cruci,
m'attuppu l'occhi, parru duci duci.

Macari scattìa un motu populari:
u munnu - tuttu - 'u voli libirari.

Ci Lu facissi st'attu di climenza!!
Lu populu 'un vol'autru, 'Ccillenza.

Ju, nicu nicu, 'un cercu ricumpensa.
Vossìa scusassi: a mia quannu ci pensa?»







Versi e foto di Peppino C./zio-silen

Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

2 commenti:

carmelo ha detto...

Dire stupenda poesia ed dir poco ,
complimenti

zio-silen ha detto...

Grazie Carmelo

per il ritorno tra i commentatori

e per il generoso giudizio.





.