lunedì 24 giugno 2013

Le poesie in vernacolo di zio-silen: "Vogghiu Barabba!"


(Rivisitazione moderna, in chiave ironica, dell'episodio che portò il popolo a scegliere Barabba)


Vogghiu Barabba!

'A ggenti 'i 'stu Paisi m'arricrìa.
Arrassu teni 'a chiesa e lu parrinu
però 'u cumannamentu cchiù divinu
(amuri pì l'infami, lu stessu c'hai pì tia)
lu teni scrittu 'n cori e ntra la menti.

"Odi greggi belar muggire armenti..." 

Li "cristianeddi"  lassanu i cantuni
e gridanu: "Barabba!!". Re latruni,
nivura l'arma, verru assatanatu.
Quaranta carti, l'assu di vastuni
'n testa, e l'oru. Populu affamatu?
si campa o mori, iddu si nni futti.
E rriri... rriri e va dicennu a tutti:
"tintu è lu pasciu, l'erba fitinzìa...
comu pastùri vonnu sempri a mia".

TRADUZIONE (QUASI) LETTERALE

 

Voglio Barabba!

La gente di questo Paese mi rende felice.
Tiene lontani chiesa e preti
però il comandamento divino
(amore per gli infami, lo stesso che hai per te)
lo tiene scritto nel cuore e nella mente.

"Odi greggi belar muggire armenti..."

Le "personcine" escono dall'angolo
e gridano: "Barabba!!". Re ladrone,
anima nera, porcello assatanato.
Quaranta carte, l'asso di bastoni
in testa, e l'oro. Popolo affamato?
se campa o muore, lui se ne fotte.
E ride... ride e va dicendo a tutti:
"cattivo è il pascolo, l'erba fetenzìa...
come pastore vogliono sempre a mia".





Versi di Peppino C./zio-silen


Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.


Nessun commento: