giovedì 6 giugno 2013

Le Poesie in vernacolo di zio-silen: "Febu e lu Barbaru"



 "Febo ed Euterpe" (opera del 1930 di Mario Rutelli) sulla fascia d'attico del Teatro Politeama.

(Fantasioso dialogo tra Febo, dio preveggente, e un Barbaro d'epoca imperiale romana che, miope nella breve distanza, si intestò la missione di liberare  le terre meridionali dai predoni)
 

Febu e lu Barbaru

Scinnìu santiannu dalla sò muntagna,
li corna 'n testa, lu vastùni 'n pugnu:
"Iddi sunnu latruna, ju nun lu sugnu;
corpu di sangu a 'sti magna magna!"

Lu 'ntisi Febu ca viri luntanu:
"mutu, carusu. Basta cugghiunari!

Latri a lu suli e ntra negghia macari.
Addisiari lu mali nun è sanu,

porta raggia 'nto cori e ntra la menti,
spinna li ali a chiddi senza nasu,
mmarra paroli a cu parra vastasu,
tagghia lu nerbu all'omini possenti".

Lu Barbaru si misi 'u parrapicca,
si livò l'elmu e puru li spuntuna,
iccò lu lignu e, nudu sutta 'a luna,
vagnò di lacrimuna 'a terra sicca.



Versi e foto di zio-silen


Traduzione

 Febo e il Barbaro

Scese bestemmiando dalla sua montagna,
le corna in testa, il bastone in pugno:
"Loro sono ladroni, io non lo sono;
morte colpisca questi magna magna!"

Lo sentì Febo che vede lontano:
"zitto, ragazzo. Basta scherzare!
I ladri al sole stanno ed anche nella nebbia.
Desiderare il male non è sano,

porta rabbia nel cuore e nella mente,
tarpa le ali a quelli senza naso,
blocca le parole a chi parla volgare,
taglia il nervo agli uomini possenti".

Il Barbaro s'impose di tacere,
si tolse l'elmo e pure i pungiglioni,
buttò il legno e, nudo sotto la luna,
bagnò di lacrimoni la terra secca.



Versi e foto di Peppino C./zio-silen


 Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.


2 commenti:

carmelo ha detto...

fantastica , non si può aggiungere altro, grazie per la traduzione

zio-silen ha detto...

Grazie Carmelo, gentile come sempre.

Un saluto

zio-silen