martedì 30 aprile 2013

Oggi leggiamo Giorgio Roberti: "La breccola"




                                                                                                               z-s
La breccola
 

‘Na breccola ched’è? ‘Na nullità.
Resto d’una montagna ch’è sparita:
vattelapesca da dov’è partita,
vattelapesca indove finirà.

E scivola de qua, zompa de là,
sarta, rimbarza, pare impeperita!
De tanto in tanto incontra ‘na salita
e ce s’anninna pe’ un’eternità.

L’òmo ce gioca quann’è è regazzino,
ce fa le strade quann’è giovanotto,
da vecchio ce riggioca ner giardino.

Ma l’òmo dura quanto dura un fiore…
E la breccola, un giorno, tutt’un bòtto,
risorte fòra e se rimette a córe.




Giorgio Roberti


(Breccola=Sasso)



 Postata da zio-silen

Nessun commento: