martedì 15 gennaio 2013

Piazza Magione: immagini

Piazza Magione prende il nome dalla splendida Basilica che occupa il suo fronte occidentale. La Chiesa, risalente al 1191 ca., venne realizzata su impulso di Matteo D'Ajello, Gran Cancelliere dei Sovrani normanni Gugliemo II, detto il Buono e Tancredi d'Altavilla.



Le absidi della Magione, decorate con caratteristici archi ciechi, sono rivolte ad oriente, in direzione della grande piazza.





All'ombra delle absidi, i resti di antichi palazzi nobiliari rasi al suolo  dai bombardamenti alleati dell'ultima guerra in concorso con opinabili scelte urbanistiche degli anni '60 che, peraltro, non ebbero buon fine.




Nell'angolo nord-occidentale della piazza si trova il Teatro Garibaldi, costruito nel 1862 a ridosso dei tre piloni, sormontati da vasotti, che ornavano l'ingresso al viale di Palazzo Aiutamicristo.


 L'ingresso del Teatro Garibaldi






L'opera di demolizione dei caseggiati ubicati sul retro della Magione, avviata negli anni '60 al fine di aprire una grande arteria verso il porto,  fu interrotta giusto in tempo per salvare il Collegio e la Chiesa di Santa Maria della Sapienza. L'imponente Edificio ( in attesa di restauro), isolato al centro della piazza, tuttavia, rischia di soccombere sotto i micidiali colpi inferti dai vandali e dall'incuria.



Il Collegio di Santa Maria della Sapienza (nella foto di zio-silen è visibile il retroprospetto colorato da murales), risalente al 1740, nacque per educare ed istruire le ragazze povere del rione, successivamente ospitò le Suore di Madre Teresa di Calcutta che si occupavano dei derelitti che bussavano alla loro porta.



 All'estrema destra del fronte orientale del Collegio
 si trova una antica edicola votiva con la Patrona della Città.



L'immagine di Santa Rosalia 
custodita nell'edicola.



Un viale basolato  corre da ovest verso est intersecando il grande prato.
Sul fronte meridionale della piazza, degno di nota il prospetto  della Scuola Primaria Francesco Ferrara (1934), con i richiami architettonici gotico-catalani, leggermente aggettanti, che incorniciano gli archi a tutto sesto dei finestroni binati.




Il lato orientale di Piazza Magione ha conservato alcuni Palazzotti nobiliari, ottimamente restaurati, quali Palazzo Naselli Statella Spaccaforno. Tra essi s'incunea la seicentesca Chiesetta dei Santi Euno e Giuliano. 





La Chiesa dei Santi Euno e Giuliano, fu costruita tra il 1651 ed il 1658 dalla Confraternita dei Seggettieri (Vastasi di cinga) che ne fece la sua sede.

Da qualche anno Piazza Magione e divenuta teatro della movida cittadina, con grande soddisfazione dei giovani che la frequentano e altrettanto grande nocumento lamentato dai residenti.






Foto e didascalie di zio-silen

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

 

1 commento:

Sandra Carli ha detto...

Grazie, molto interessante!