lunedì 31 dicembre 2012

Auguri di un 2013 moderatamente felice per tutti i lettori.


A mezzanotte se ne va il 2012: annus horribilis. Accogliamo il nuovo anno con speranza; anche se, in questi giorni di transito, è difficile non lasciarsi cogliere dallo sconforto nell'assistere alle impudenti sfilate dei soliti politicanti, artefici da decenni dell'attuale sfacelo socio-economico. Costoro, indossato l'abito nuovo e cambiata l'acconciatura, si presentano ancora una volta innanzi ai nostri occhi, confidando nella generale miopia, come angeliche verginelle. Ma noi non ci caschiamo!! Il tempo delle greggi che "lascian gli stazzi e vanno verso il mare" è finito! Nel chiuso della cabina elettorale, sono certo, sapremo crearci un futuro migliore.

Ai Lettori del Blog auguro un 2013 moderatamente felice (per non mischiarmi coi demagoghi che imperversano) e ripropongo Loro questa mia poesia:


Vecchio e nuovo

Oggi, cantar mi va 
del vecchio e nuovo:

del sole che tramonta, dell'aurora
d'aura democrazia: odio e amore

e campi arati, comignoli operai
negli occhi combattuti dei fornai

del vento che accarezza, lieve increspa
del turbine che giostra anime sperse

d'una quadriga ombrosa e di angiolini
del pianto disperato di un bambino.




 zio-silen







Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: