mercoledì 14 novembre 2012

Oggi leggiamo Pascoli: "Scalpitio"



Scalpitio

Si sente un galoppo lontano
(è la...?),
che viene che corre nel piano
con tremula rapidità.

Un piano deserto, infinito;
tutto ampio, tutt’arido, eguale:
qualche ombra d’uccello smarrito,
che scivola simile a strale:

non altro. Essi fuggono via
da qualche remoto sfacelo;
ma quale, ma dove egli sia,
non sa né la terra né il cielo.

Si sente un galoppo lontano
più forte,
che viene, che corre nel piano:
la Morte! la Morte! la Morte!




(Giovanni Pascoli dalla Raccolta Myricae-1891)




Postata da zio-silen


Nessun commento: