lunedì 22 ottobre 2012

Oggi leggiamo Giovanni Meli: "Lu surci"



Lu surci
 

Un surciteddu di testa sbintata
avia pigghiatu la via di l'acitu
e facìa 'na vita scialacquata
cu l'amiciuna di lu so partitu.
 

Lu ziu circau tirarlu a bona strata,
ma zappau all'acqua pirchì era attrivítu
e di chiù la saimi avia liccata
di taverni e di zàgati peritu.
 

Finalmenti Mucidda fici luca,
iddu grida: Ziu! Ziu! cu dogghia interna;
sò ziu pri lu rammaricu si suca;
 

poi dici: "Lu to casu mi costerna,
ma ora mi cerchi? chiaccu chi t'affuca!
Scutta pi quannu isti a la taverna!"


(Giovanni Meli)




Postata da zio-silen


Nessun commento: