martedì 9 ottobre 2012

Le poesie dialettali di zio-silen: "Malapinsata"



Malapinsata

Arriva vascia vascia,
'nta testa trasi e 'ngrascia.
Mi lassa, fa un firrìu,
assantuma 'u pistìu.

'A cuscenza minuzza:
cileppu 'nta vuccuzza.
Si strica, 'sta fitusa!
miulìa, mi fa li fusa.

"Levati 'a firnicìa!"
grida mentri scalìa.
"Pigghiati 'stu cunsigghiu!"
ju, surdu, nun lu pigghiu.

Lu marranzànu spentu
si perdi 'ntra lu ventu.
Siddiàta pi' la chiusa
sirpuzza è virmicùsa.

Picciriddu 'nta cuna
sentu li muzzicùna:
m'arrùsica lu cori.
'Nte matinàti mori.


***


Malapensata

Arriva sommessa,
entra nel cervello e sporca.
Mi lascia, fa un giro,
colpisce nello stomaco.

La coscienza minuzza:
la sua bocca è dolcissima.
Si struscia, 'sta sozzona!
Miagola, fa le fusa.

"Togliti l'assillo!"
grida mentre scava.
"Pigliati questo consiglio!"
Io, sordo, non lo piglio.

Scacciapensieri triste
si perde nel vento.
Stizzita dal rifiuto
la serpe è disgustosa.

Bambino nella culla
sento i suoi morsi:
mi corrode il cuore.
All'alba muore.

Versi di Peppino C./zio-silen


 Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: