lunedì 6 agosto 2012

Fiamme sul Castellaccio di Monreale


 Stamattina, dalla mia finestra palermitana vedo colonne di fumo levarsi dalla vetta del Monte Caputo, nei pressi del "Castellaccio" di Monreale: i nuovi mostri hanno colpito ancora. Costoro, incuranti di chi muore tra le fiamme (recente la notizia di un forestale, addetto allo spegnimento, deceduto trai roghi di un bosco in quel di Castronovo) e di quanti moriranno nelle alluvioni autunnali prodotte dallo scempio della vegetazione sui fianchi delle montagne, accendono il loro cerino sicuri, se beccati, di cavarsela con una pena irrisoria. Se questi assassini di ambiente venissero penalmente equiparati agli uccisori di uomini forse ci penserebbero due volte prima di scherzare con il fuoco.




Un Canadair della Protezione Civile in servizio antincendio.




Testo e foto di zio-silen



Sicilia si pigghiò li figghi 'i matri

 Sicilia assai chiancìu pi' lu focu
ca ggenti tinta e 'nfami appicciò 'n locu

e lacrimi pisanti nni spargìu
quannu arrubbàru o' ciumi 'u ben di Diu.

Ficiru ponti 'nta la sciara sicca
cu' tanta rina e ferru picca picca.

Iccàru lu vilenu 'nta lu mari:
supra 'i balati trigghi e calamari.

Fora ri testa pi' lu gran duluri,
Sicilia s'arraggiò, fici rumuri;

'a terra e l'acqua, senza cugnizioni,
vosiru fari rapprisintazioni:

isàru 'a tila nivura i tiatri...
e Idda si pigghiò li figghi 'i matri.


Versi di zio-silen 



Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: