giovedì 5 luglio 2012

'U fistinu ri Santa Rusulia

In occasione del "festino" in onore di Santa Rosalia, che si svolge a Palermo dal 10 al 15 luglio, zio-silen si rivolge, accorato, alla Santuzza:





 'U fistinu ri Santa Rusulia


Bedda, Santuzza mia, fammi 'na grazia...
'sta pesti chi furria 'un'è mai sazia.

Li guvirnanti si pigghiaru 'u mali,
comu 'i gadduzzi sunnu: tali e quali!

'Nta li curtigghi 'a jurnata è ddura,
tra porta e porta ìsanu li mura.
E c'è cu s'inchi panza e casciaforti
e cu s'agghiutti feli finu a morti.

Pi' lu Fistinu nenti fochi e luci,
lassamu nne' carteddi 'i babbaluci
e nenti scacciu ri calia e simenza:
facemu tutti quanti pinitenza.

T'imploru Bedda: 'sta genti talìa!
Viva Palermu e Santa Rusulia!!




(Versi di zio-silen)




Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore è perseguibile legalmente.

2 commenti:

Carmelo ha detto...

Sarei ripetititvo,ma non ci sono commenti di fronte a tale bellezza e armonia dei suoi versi in siciliano.Non manca la sua sottile ironia alla crisi odierna

zio-silen ha detto...

Ringrazio Carmelo per il commento ai miei versi e Santa Rusulia per avergli ispirato parole così gratificanti per un menestrello popolare quale sono.

zio-silen