giovedì 10 maggio 2012

Oggi leggiamo Nazim Hikmet: "Prima di tutto l’uomo"



Prima di tutto l’uomo

Non vivere su questa terra
come un estraneo
o come un vagabondo sognatore.

Vivi in questo mondo
come nella casa di tuo padre:
credi al grano, alla terra, al mare,
ma prima di tutto credi all’uomo.

Ama le nuvole, le macchine, i libri,
ma prima di tutto ama l’uomo.
Senti la tristezza del ramo che secca,
dell’astro che si spegne,
dell’animale ferito che rantola,
ma prima di tutto senti la tristezza
e il dolore dell’uomo.

Ti diano gioia
tutti i beni della terra:
l’ombra e la luce ti diano gioia,
le quattro stagioni ti diano gioia,
ma soprattutto, a piene mani,
ti dia gioia l’uomo.

(Nazim Hikmet)





Poesia postata da zio-silen
Foto di Fabiuss

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: