domenica 22 aprile 2012

Tempo d'Elezioni: Offriamo i nostri voti e i nostri versi



Tempo d'Elezioni

I "politicanti" (categoria diversa dai "politici") in questi giorni di campagna elettorale ci infondono il loro soave verbo, umilmente sottacendo quanto le loro Formazioni di riferimento (di dritta, centro e manca) hanno già fatto (o non fatto) per il nostro palermitano bene. Illuminandoci, invece, su  quanto -indefessi-  si prefiggono di fare. Nonostante si dica che di buone intenzioni siano lastricate le vie dell'inferno, noi, fiduciosi e grati, offriamo  loro  i nostri "voti" ed i nostri versi:

Politicanti? Diu nni liberi e scampi!
Di ritta o manca, stissa sinfunia,
stacci luntanu finu a quannu campi.

Prima ru votu t'abbrazza e ti vasa,
'a so' parola sùbitu arricria: 

"Curò! 'a me' casa è 'a to' casa,
p'i figghi to' 'u travagghiu è assicuratu,
fa' cuntu ca vincisti 'a lottiria",
dici currennu 'nca pari assicutatu.

S'acchiappa 'u purpu e tu ci allogni 'a manu,
'un ti canusci cchiù, si' camurria.
Resti accussì: babbiatu sanu sanu.



zio-silen

2 commenti:

carmelo ha detto...

Poesia stupenda nella sua ironia

zio-silen ha detto...

Ringrazio Carmelo per il generoso commento.

zio-silen