venerdì 24 febbraio 2012

Piazzale Ungheria: Bassorilievi e decorazioni musive

Piazzale Ungheria (1950), così chiamato in onore delle migliaia di vittime ungheresi che tra ottobre e novembre 1956 si ribellarono all'URSS e subirono la dura repressione delle truppe sovietiche, nasconde sotto i suoi portici gradevoli opere d'arte che il passante frettoloso di solito ignora.


Opera musiva (sopraporta o meglio "sopravetrina")
che reca immagini simbolo delle fatiche lavorative
con occhio dell'autore rivolto al passato.
La grande figura muliebre tiene nelle mani
oggetti simbolo di abbondanza.


Opera realizzata a mosaico (sopraporta) con rappresentazione
delle moderne attività lavorative e, sulla sinistra, una figura femminile
possibile allegoria del risparmio. In basso a destra si legge il nome
dell'ideatore (Bevilacqua - Roma) e degli esecutori (Mosaicisti di Ravenna).


"Galleria delle Rose" che collega Piazzale Ungheria
a Via Generale Magliocco.

Bassorilievo in legno posto come decorazione di una delle due lunette
alle estremità del tunnel. Tra gli intagli si notano sette rose stilizzate
dalle quali, si ritiene, derivi la denominazione della Galleria.

L'altro bassorilievo ligneo con tre cavalli
ed un uomo colti nello sforzo della corsa.


In questo altorilievo si può leggere la Sicilia (riconoscibili alcuni famosi monumenti), il Lavoro e l'auspicio di Abbondanza.
Si trova sul sobrio prospetto del Palazzo sede del Banco di Sicilia che si affaccia su Piazza Regalmici, intesa dai palermitani come "Quattro Canti di Campagna". Il quadrivio tra l'attuale via Ruggero Settimo e via Mariano Stabile fu voluto nel 1778, per ragioni di espansione urbanistica verso le aree edificabili settentrionali, dal Principe di Carini e Marchese di Regalmici (da qui il toponimo) Antonio La Grua Talamanca Branciforti, Pretore di Palermo dal 1777 al 1780, che ne affidò il progetto all'insigne Architetto del Senato cittadino, Nicolò Palma (1694-1779).


I portici di Piazzale Ungheria lato Via Ruggero Settimo.




Foto e didascalie di Leo Sinzi (zio-silen)

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per finalità esclusivamente personali e "non commerciali" CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE: «www.palermodintorni.blogspot.it».
La copia è parimenti negata a chi, a qualunque titolo, intenda farne uso a scopo di lucro.
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

Nessun commento: