giovedì 29 dicembre 2011

Oggi leggiamo Montale: "Felicità raggiunta, si cammina"












Felicità raggiunta, si cammina

per te su fil di lama.
Agli occhi sei barlume che vacilla,
al piede, teso ghiaccio che s'incrina;
e dunque non ti tocchi chi più t'ama.

Se giungi sulle anime invase
di tristezza e le schiari, il tuo mattino
è dolce e turbatore come i nidi delle cimase.
Ma nulla paga il pianto del bambino
a cui fugge il pallone tra le case.



(Eugenio Montale dalla Raccolta "Ossi di Seppia" 1925)







Postata da zio-silen

Nessun commento: