martedì 15 novembre 2011

Oratorio di Santo Stefano Protomartire


 
In piazza Monte di Pietà, dirimpetto il cinquecentesco Palazzo del Monte dei Pegni, quasi invisibile dietro l'anonima facciata, si trova l'Oratorio di Santo Stefano Protomartire, il cui interno invece conserva strutture e decori di elevato valore artistico. In particolare i due grandi Serafini, probabile opera di Gian Maria Serpotta (attivo a metà '700) figlio (anche d'arte) di Procopio e nipote del grande maestro stuccatore Giacomo Serpotta, che decorano la parete sovrastante l'altare di legno intagliato del 1819 e gli altri stucchi ornamentali. La costruzione fu avviata nel 1580, sulla sponda occidentale del Papireto, su commissione di un gruppo di mercanti genovesi riuniti nella Confraternita titolata al primo martire cristiano. Tale compagine si era allontanata, per contrasti, dalla colonia ligure che officiava i propri riti presso la Chiesa di San Giorgio, nel Quartiere degli Schiavoni.  L'addobbo decorativo è settecentesco. I danni provocati dai bombardamenti dell'ultima guerra e dai terremoti hanno indotto le Autorità ecclesiastiche a trasferire altrove le opere presenti ed a negare l'accesso al pubblico fino all'ultimazione dei restauri. Nel Museo Diocesano sono ospitate le tele di pittori genovesi, tra cui l'eponente del manierismo Bernardo Castello (1557-1629), che raccontano episodi riconducibili a Santo Stefano. Il presbiterio è delimitato da un arco trionfale. Pregevole il soffitto ligneo dipinto della canonica ed il portale del '500.

 "Lapidazione di Santo Stefano" (1619) del genovese Bernardo Castello (*1557 +1629). L'opera è esposta al Museo Diocesano.


 
Autore ignoto genovese: "Giuliana di Costantinopoli innanzi al sepolcro di Santo Stefano" - "La cieca guarita dinanzi la tomba di S. Stefano" (sec. XVII). I dipinti si possono ammirare al Museo Diocesano.


 Altra "Lapidazione di Santo Stefano" di Bernardo Castello adorna uno degli altari laterali della Chiesa di San Giorgio dei Genovesi




Foto e didascalie di Leo Sinzi (zio-silen)

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per finalità esclusivamente personali e "non commerciali" CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE: «www.palermodintorni.blogspot.it».
La copia è parimenti negata a chi, a qualunque titolo, intenda farne uso a scopo di lucro.
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.


Nessun commento: