mercoledì 16 novembre 2011

Chiesa di San Gioacchino

Nel quartiere Olivella, ad angolo tra Via San Basilio e Via Patania, si erge l'imponente mole della Chiesa di San Giocchino. Realizzata per volere delle Suore Collegine dell'attiguo Collegio di Maria della Sacra Famiglia (1721) che, nel rispetto della regola del Cardinale Marcellino Corradini, impartivano l'insegnamento alle ragazze del popolo. Insegnamento dal quale sino a quel momento erano escluse in quanto istruzione e cultura venivano riservate alle famiglie nobili e facoltose.
Nel 1738 ca. l'Architetto del Senato palermitano Nicolò Palma (1694-1779) ne curò il progetto in un sapiente amalgama tra barocco e classico, impiantando il tempio su una chiesa preesistente.
L'ingresso è coperto dal coro sorretto da due colonne. I decori in stucco della navata del presbiterio e dell'abside si devono prevalentemente alla mano di Procopio Serpotta (1679-1756). Le quattro cappelle conservano tele di Filippo Randazzo (1695-1744) detto il Monocolo di Nicosia per via dell'unico occhio vedente e Pietro Martorana n.1700, m.1759 (di quest'ultimo anche la pala dell'altare maggiore con San Gioacchino -esposta in copia- e gli affreschi ai lati). Pregevole il Crocifisso ligneo su fondo in stucco.




Sul frontone triangolare è collocato il medaglione in stucco con San Gioacchino e Maria bambina scolpito da F. Alajmo (attorno al 1744) con la tecnica dell'altorilievo. L'mmagine mostra anche due paraste aggettanti interrotte da capitelli corinzi ed un grande timpano mistilineo con base sull'artistico cornicione che si estende per tutta la larghezza dell'edificio e che ritroviamo anche all'interno.



Timpano mistilineo con emblema mariano.




Il Collegio delle Suore Collegine di Piazzetta Angelina Lanza,
slargo alle spalle della Chiesa di San Gioacchino.




Nicchia con la Santa Vergine sopra l'ingresso
del "Collegio di Maria -La Carità- all'Olivella".
Il Collegio, risalente al 1721, oggi ospita una
scuola primaria.






Testo e foto di zio-silen

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

2 commenti:

Milena ha detto...

ciao, complimenti per il Blog, che abbiano consultato moltissimo per ragioni di studio!
Abbiamo però notato che nel blog foto di Santa Rosalia, per completezza manca la tela più antica del 1134 e quella del Calandrucci 1703. Se desideri possiamo inviartele noi!

GRAZIE! Milena e Alberto

zio-silen ha detto...

Ringrazio Milena ed Alberto per la gentile offerta, ma questo Blog, per non urtare la suscettibilità di alcuno, ha scelto di pubblicare esclusivamente le foto scattate dagli Amministratori.

Cordialmente

zio-silen