martedì 12 luglio 2011

"'U fistino ri Santa Rusulia": poesia in vernacolo

In occasione del "festino" in onore di Santa Rosalia, che si svolge a Palermo dal 10 al 15 luglio, zio-silen si rivolge, accorato, alla Santuzza:





'U fistinu ri Santa Rusulia


Bedda, Santuzza mia, fammi 'na grazia...
'sta pesti chi furria 'un'è mai sazia.

Li guvirnanti si pigghiaru 'u mali,
comu 'i gadduzzi sunnu: tali e quali!

'Nta li curtigghi 'a jurnata è ddura,
tra porta e porta isanu li mura.
E c'è cu s'inchi panza e casciaforti
e cu s'agghiutti feli finu a morti.

Pi' lu Fistinu nenti fochi e luci,
lassamu nne' carteddi 'i babbaluci
e nenti scacciu ri calia e simenza:
facemu tutti quanti pinitenza.

T'imploru Bedda: 'sta genti talìa!
Viva Palermu e Santa Rusulia!!




(Versi di zio-silen)



Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore è perseguibile legalmente.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

caro zio Silen,avevo gia' intuito che la sua passione era molto bella ,ma guardando un po'dentro mi rendo conto che il suo e' un lavoro minuzioso,certosino,di grandissima conoscenza, e di grande impatto con una parte d'arte che secondo me esprime al massimo il calibro dell'artista che la realizza.complimenti. MORELLO ROBERTO

zio-silen ha detto...

Ringrazio il Sig. Morello per il suo generoso commento.