venerdì 8 aprile 2011

ORATORIO DEL CARMINELLO a Porta Sant'Agata

Chi, percorrendo Corso Tukory, ha la ventura di passare sotto l'ogivale arco normanno di Porta Sant'Agata, si trova davanti l'anonima facciata dell'Oratorio del Carminello (detto anche del Carmine minore per distinguerlo dalla vicina Chiesa del Carmine di Piazza Ballarò). Il prospetto seicentesco è talmente elementare che non lascia immaginare quale patrimonio artistico e storico nasconde il piccolo edificio. Già il gruppo scultoreo dell'ingresso e la Vara con la splendida statua lignea della Madonna del Rosario lasciano presagire gradevoli sorprese. 
L'aula squadrata colpisce per il manto di stucchi che senza soluzione di continuità decora le pareti. Particolarmente belle le opere allocate sulla controfacciata, attribuite alla sapiente mano di Giacomo Serpotta, altre sarebbero state realizzate dal figlio Procopio, dal fratello Giuseppe e da altri artisti riconducibili alla scuola serpottiana.
L'Oratorio venne realizzato a cavallo tra il '500 ed il '600 per volere di nobili famiglie palermitane ed affidato alla Compagnia del Carmelo che tra il XVII ed il XVIII Sec. commissionò le spettacolari decorazioni parietali.
Nell'ultimo secolo la gestione del Carminello è stata affidata alla Confraternita di Maria SS. del Rosario che per un periodo ne utilizzò la sottostante cripta per tumulare i propri confratelli.



^ SX: Edicola dell'ingresso. DX: Figura muliebre sul lato sinistro dell'edicola.

^ La "Vara" che i fedeli usano portare in processione per i vicoli dell'Albergheria con la statua lignea della Madonna del Rosario e l'effige in cartapesta di San Domenico.

^ L'altare maggiore in marmo (quelli laterali sono lignei) è sormontato da colonne tortili con decorazioni floreali dorate. Sul timpano, lo stemma dei Carmelitani.

^ Gli stucchi del Carminello, opera di autori di diverso valore artistico, si fanno risalire al periodo a cavallo dei Secoli XVII e XVIII. Le nicchie parietali ospitano statue di Santi riconducibili per scelte di vita al Monte Carmelo.


^ SX: Mater dolorosa e Cristo deposto. DX: Santo dormiente

^ Crocifisso su altare ligneo.


^ Figure allegoriche: Castità e Prudenza.


^ Profeti S. Eliseo (SX) e S. Elia (DX)

^ Angeli su mensole contribuiscono a rendere particolarmente ricco l'addobbo delle grandi finestre.


^ SX: Santa Teresa d'Avila (1515-1582), Dottore della Chiesa. Autrice della riforma che porta il suo nome. DX: S. Angelo di Sicilia Sacerdote e Martire, vissuto nel XIII Sec.

 
^ SX: S. Elena (248-329),madre dell'Imperatore Costantino. Ad Elena Flavia Giulia viene attribuito il ritrovamento dei resti della Croce e dei chiodi di Cristo. DX: S. Alberto di Gerusalemme, Vescovo e legislatore dell'Ordine, vissuto tra il XII ed il XIII Sec.

^ Santa Maria Maddalena De' Pazzi da Firenze (1566-1607)



^ SX: Stucchi di pregevole fattura sulla parete su cui si apre l'ingresso all'Oratorio. Il alto una tela settecentesca con la Madonna del Rosario. I due palchetti erano riservati ai Superiori della Compagnia DX: Figure allegoriche: Castità e Divino Amore.

^ Angeli sorreggono tondo con altorilievo che rappresenta "La Natività" (SX), attribuito a Giacomo Serpotta (1656-1732). DX:  "Riposo in Egitto"del medesimo stuccatore.

Antico confessionale


LA CRIPTA

^ Scala d'accesso alla Cripta.

^ SX: La cripta contiene una trentina di loculi nei quali venivano deposti i cadaveri dei membri della Compagnia. DX: Colatoio.

^ SX: Teca con ossa dei defunti. DX: Loculi con resti dei confratelli.


^ SX: Stemma dei Carmelitani con corona su palma e giglio sulla volta della Cripta.
DX: Antiche mattonelle del pavimento divelte.

EDICOLE VOTIVE
SULLE FACCIATE DEL CARMINELLO


^ Antica edicola votiva con L'Immacolata
e Santa Rosalia, sul fronte meridionale.


^ Edicola affiancata all'ingresso principale.


Foto e didascalie di Peppino C./zio-silen

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE (www.palermodintorni.blogspot.it).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

3 commenti:

Carmelo C. ha detto...

Complimenti avere scoperto una perla nel centro storico.Sarei curioso di saper quanto è aperta.Fotografie stupende come sempre .Carmelo

zio-silen ha detto...

L'Oratorio del Carminello è stato aperto ai visitatori nei giorni 25-26 e 27 marzo nell'ambito dell'iniziativa "la Scuola adotta la Città" che ritengo si ripeterà il prossimo anno. L'edificio di culto è comunque accessibile ai fedeli per partecipare alle funzioni religiose.

pedro fernandez ha detto...

Buenas, soy historiador del Arte y estoy muy interesado en conocer la costumbre que existe en Sicilia de cubrir las imagenes de la Virgen y de los santos en las iglesias y solo descubrirlas para el culto religioso.¿Me podria contar algo sobre esta costumbre? Me interesaria mucho tener una lista de los Santos y Virgenes que aun hoy se ocultan con cortines o puertas. Mi nombre es Pedro Fernandez y mi email es italicabolonia@gmail.com . Muchas Gracias.