sabato 16 aprile 2011

LIPOGRAMMA*: 'U Zitu ri Mimì



Cuntu: 'U Zitu ri Mimì

Ciccinu Scicchittuni - riccu d'unzi e mischinu...
 vinnirínu, strurúsu, siccu siccu: 'nu filínu;
lu mussu strittu: culu ri pipíu -
sfici lu 'rrisu misi lu siddíu.
Vistíu lu mulu tuttu pinni pinni,
rissi: «sugnu li zitu. Ju nun vinni
p'i picciuli fitusi ru Funnu 'i Cirimì,
Ju vinni pí biddizzi ri Mimì».
«Zu Ciccu, mi cunfunni: ju mi 'ncugnu
- sciatò Mimì -, viríssi chi tignúsu juncu sugnu».
- Lu murmuríu si 'ntisi prisicútu -
«Chi dici? Si' nu ciuri ri villutu».

- Duluri 'n cruci, puncinu, smirigghi,
'n funnu ru funnu ri cu vínni 'i figghi -.
«Curuzzu miu priziusu, sí 'nu príu».
«Sugnu sulu 'mpirúgghiu. Vi schifiu!».


«Mi strudi lu disíu. Picchì nun dici sì?»
«Pí Rusulinu spinnu!» cci rispunníu Mimì.
«Rispiru lu rispiru, sugnu filici
di tinirizzi milli mi nni fici».
«Biii, chi furmiculíu! Pirdutu sugnu!»
- Ciccínu strincíu lu fucili 'n pugnu.
Russu si fici 'u suli, russu lu gilsuminu...
Fuíu, friddu di nivi, lu virrínu -.
Ci fu rivúgghiu curtígghiu curtígghiu:
liuníni li burgísi, cu pilu ri cunígghiu.
«Viníti tutti, Mimì muríu!!»
- Nuddu si vitti... 'U cuntu finíu -.

_________________________________________


 Ciccino Scicchittuni - ricco d'onze e meschino...
nato di venerdì, antipatico, secco secco: uno spaghetto;
le labbra strette: culo di tacchino -
smise il sorriso indossò la cupezza.
Addobbò il mulo con penne e piume,
disse: «sono il fidanzato. Io non sono venuto
per (riscuotere) i soldi sporchi del Feudo di Cirimì,
sono qui per le bellezze di Mimì».
«Don Ciccio, mi confonde: io m'accosto
- disse Mimì con un filo di voce -, vede (adesso) che sono un giunco quasi calvo».
- Il mormorio si sentì a lungo - «Cosa dici? sei un fiore vellutato».

- Dolori in croce, pungono, smerigli, 
nel profondo di chi vende i figli -.
- Tata (il padre) e mamà con una voce sola: «Cuore prezioso, sei la mia allegria».

 «Sono solo d'impaccio - per voi conta solo la mezzadria di Cirimì. Mi fate schifo!»

Ciccino alquanto confuso: «Mi consuma il desiderio. Perchè non dici sì?»
«Per Rosolino spasimo!» gli rispose Mimì
«Respiro il suo respiro, sono felice: da lui ho avuto mille tenerezze» .
«Biii, che formicolio! Sono perduto!»
- Ciccino strinse il fucile in pugno.
Rosso divenne il sole, rosso il gelsomino...
Fuggì, freddo come la neve, l'assassino -.
Ci fu vento di rivolta nei cortili:
fittavoli leonini, con pelo di coniglio.
«Venite tutti, Mimì è morta!!»
- Nessuno si vide... 'U cuntu finisce qui -.




Versi di Peppino C./zio-silen
Disegno di Nunzio di Pasquale



*Gioco linguistico in cui vengono escluse tutte le parole che contengono le vocali A - E - O.





Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore è perseguibile legalmente.


Nessun commento: