sabato 10 luglio 2010

Conferito il premio "MICROCEFALO D'ORO" di luglio


Il blog, questo mese, si è trovato in seria difficoltà nell'assegnare l'ambita onorificenza stante le molteplici segnalazioni di soggetti meritevoli che ci sono pervenute. Tanti sono gli estimatori di quel filantropo che, pur di condividere la magnificenza di preziosi mobili antichi con migliaia di turisti che in questo periodo affollano la città, ha pensato bene di esporli dietro un cassonetto ubicato proprio sotto il Palazzo Reale. Che dire poi di quella melomane che graziosamente assicura una dolce sveglia, alle sei del mattino, offrendo una perfetta escuzione della Marcia Trionfale dell'Aida grazie al magistrale uso di un manico di scopa e delle barre armoniche della ringhiera del balcone. Non possiamo sottacere la popolarità di chi governa paesi, borghi e città con scrupolo, sempre dediti al bene dei sudd., pardon dei cittadini, impegnandosi a dare sollievo dalle atroci sofferenze provocate dal traffico caotico, dalla munnizza che avanza, dai balzelli che dissanguano, anche se... si tratta solo di un sogno di una notte di mezza estate. E come dimenticare quei gai giovanotti che deliziano la permanenza dei bagnanti nella playa coinvolgendoli in partite di football con pallonate da commozione (cerebrale) o quelle anime pie che spalancano porte e finestre dei loro appartamenti per condividere con i vicini la gioia di canzonette napoletane sparate nell'aere da cui (chissà perchè) cadono uccelli morti. E dulcis in fundo, una menzione particolare va a colui che mi ha fatto recuperare la perduta fede nella legalità. Tale biasimevole sentimento aveva fatto breccia nel mio cuore nel tentativo di scansare i motorini in corsa sui marciapiedi, nel percorrere cento metri in due ore a causa degli imbuti creati dai mezzi posteggiati in seconda, terza e quarta fila, nell'evitare scontri mortali con quanti considerano il divieto di accesso o di transito un'offesa insopportabile da lavare col sangue, nell'ammirare quelle migliaia di automobilisti che, pietosi, percorrono le corsie d'emergenza per confortare gli ammmalati tristemente segregati nelle ambulanze che procedono a rilento e soprattutto coloro che, conseguita la patente in modo misterioso, si affrettano a festeggiare facendo un falò con le copie del codice della strada (fallacemente) sicuri della quasi impunità. Invece, ecco il miracolo! Un bel giorno dal buio più profondo si materializza un barlume di luce: trattasi di una multa da 89 euro (leggasi ottantanove) che un sant'uomo, forse provvisto di facoltà paranormali, avvertendo il profondo disagio, la crisi quasi mistica, ha voluto inviarmi per ripulire la mia impolverata coscienza, punendomi per aver fatto ombra con il muso della macchina sulla prima di una dozzina di strisce pedonali. Gaudium magnum! Ce ne fossero uomini così.
Il blog, dopo approfondita disamina, ha deciso di assegnare - a pari merito - a tutti i menzionati "IL MICROCEFALO D'ORO" per il mese di luglio.
Congratulandoci con i vincitori dedichiamo loro i seguenti (esemplificativi) versi:


Ciccinu gran vastasu sona e cantae si nni futti si dormi Pippinu
ca la matina a lu travagghiu scanta
e malirici 'a razza ri Ciccinu.




zio-silen


Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

Nessun commento: