lunedì 7 giugno 2010

FONTANA PRETORIA

La fontana - realizzata dallo scultore Francesco Camilliani - fu voluta, nel 1554, dal Vicerè di Napoli Don Pedro Alvarez de Toledo (suocero di Cosimo I de' Medici che ne aveva sposato la figlia Eleonora) per arricchire il lussureggiante giardino di Palazzo San Clemente, sua dimora fiorentina, ove la macchina d'acqua rimase per 19 anni, fino alla vendita, per 20.000 scudi, al Senato di Palermo ad opera di Don Garcia de Toledo per conto dell'erede, il fratello Luigi  a corto di liquidità.
Smontata in pezzi, fu ricomposta, attorno al 1582, nello slargo innanzi al Palazzo Pretorio, da Camillo Camilliani figlio dell'autore del complesso scultoreo.
La nudità delle statue indusse i palermitani del tempo a denominare quello spazio "Piazza della vergogna".
La leggenda narra che alcune scandalizzate suore del vicino convento, armate di martello, abbiano fatto censura spicciola e castrante.
La fontana è ricca di figure mitologiche e allegoriche: tra le altre ricordiamo alcune divinità pagane quali Cerere, Apollo, Ercole, Venere, Diana, Adone, Bacco ed i quattro fiumi palermitani Maredolce, Papireto, Oreto e Gabriele. La statua che simboleggia quest'ultimo in origine rappresentava il corso d'acqua toscano Mugnone citato dal Boccaccio in una delle sue novelle.
La balaustra di Giovan Battista Basile (1858) presenta quattro varchi ornati da otto Erme (sculture su pilastri).
Fanno da mirabile cornice alla fontana le splendide Chiese barocche di San Giuseppe dei Teatini e la dirimpettaia Santa Caterina nonchè il quattrocentesco Palazzo delle Aquile (sede del Comune), Palazzo Gugino Chiaramonte Bordonaro (XVI Sec.) (in stato di colpevole abbandono) che incorpora uno dei "Quattro Canti" e Palazzo Lo Faso Bonocore sottoposto a recente restauro.


Altre foto della Fontana QUI.



La Fontana Pretoria vista dallo scalone laterale
dalla 
Chiesa di Santa Caterina.




Le conche centrali della macchina d'acqua viste da diverse angolazioni.


Il Putto dispensatore di frutti posto al culmine della fontana.
  Incerta figura allegorica che alcuni studiosi
ricondurrebbero al "Genio di Palermo", altri al Bacco.


 
 SX: Scala settentrionale.





SX: Trittolemo, dio della mitologia greca dedito all'insegnamento dell'arte della coltivazione dei frutti. DX: Cerere dea della terra e della fertilità.


 
Orfeo con la lira. Ai suoi piedi il cane a tre teste
Cerbero, guardiano dell'Ade.





 SX: Pomona, dea dei frutti. Regge  una cornucopia.



 DX: Vertunno, dio etrusco
 sposo di Pomona.










  





 
L'Abbondanza. (Sullo sfondo Palazzo Bonocore).








SX: Venere Verticordia i cui influssi assicuravano
la castità nel

matrimonio.





DX: Il dio Ercole con l'Idra ai suoi piedi.



Venere (in primo piano).







SX: La Liberalità.

DX: Adone, simbolo di bellezza e di rinascita primaverile.











 SX: Diana (acefala per mano vandalica).





DX:Il dio del sole, Apollo.








Le quattro foto che seguono mostrano la raffigurazione allegorica dei fiumi Maredolce, Gabriele, Oreto e Papireto. Ai lati delle Divinità sdraiate sono un tritone e una nereide (simboli d'acqua).



 














_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Le otto Erme della balaustra del Basile poste, a coppie, sui pilastrni che delimitano i quattro varchi di primo accesso alla fontana.




 
 
 Sullo sfondo sono visibili: Palazzo delle Aquile sede del Comune di Palermo, Palazzo Bonocore, la Chiesa di Santa Caterina, la Chiesa di San Giuseppe






 _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 








 



Animali e mostri mitologici nelle 24 nicchie della vasca grande. Il grande pittore e architetto rinascimentale Giorgio Vasari definì l'opera: "Fonte stupendissima che non ha pari in Fiorenza"







La Chiesa di Santa Caterina sullo sfondo.





 














SX: Il Palazzo Lo Faso Bonocore si affaccia su Piazza Pretoria. DX: Il Palazzo Gugino Chiaramonte Bordonaro (in stato di degrado) in un angolo della Piazza.




La statua di Santa Rosalia, pregevele
opera di Carlo D'Aprile (1661), domina
la Piazza dall'alto del Palazzo Pretorio.




Foto e didascalie di Leo Sinzi (zio-silen)

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per finalità esclusivamente personali e "non commerciali" CON OBBLIGO DI CITAZIONE DELLA FONTE: «www.palermodintorni.blogspot.it».
La copia è parimenti negata a chi, a qualunque titolo, intenda farne uso a scopo di lucro.
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile a norma di legge.

1 commento:

daniela ha detto...

davvero un bel blog! complimenti! =)