venerdì 16 ottobre 2009

TEATRI A PALERMO


TEATRO MASSIMO

Teatro Massimo "Vittorio Emanuele"
stile neoclassico - (1865-1874)
Progettisti: Giovanbattista ed Ernesto Basile





TEATRO POLITEAMA GARIBALDI

Teatro Politeama Garibaldi (1867-1891)
Stile classico romano
Progettista: Giuseppe Damiani Almeyda





TEATRO STABILE BIONDO
Teatro stabile Biondo (1899-1903)
Stile classico ottocentesco
Progettista: Nicolò Mineo




Grottesco mascherone a tre facce posto sul frontone centrale
del teatro Biondo.






TEATRO BELLINI

Teatro Bellini (Real Teatro Carolino 1726-1742)





REAL TEATRO SANTA CECILIA

Real Teatro Santa Cecilia (1692- 1693)
Progettato dall'Unione dei Musici.





KURSAAL BIONDO

Ex teatro Kursaal Biondo
Stile liberty (1913-1914)
Architetto: Ernesto Basile




Particolare decorativo del Kursaal Biondo (ex Cine-teatro Nazionale).



TEATRO FINOCCHIARO

-- Teatro Finocchiaro (1926)
-- Architetto: Paolo Bonci
-- Stile Liberty
-- Caratteristica: Tetto apribile













TEATRO GARIBALDI


Teatro Garibaldi alla Magione (1862)

 



ARENA TRIANON

Arena Trianon, ex teatro e cinema.




Particolari decorativi dell'ex Arena di Via Alessandro Scarlatti.




La "Suonatrice" campeggia al centro del prospetto della Trianon
esibendo il suo tragico volto piagato dall'incuria umana
e le sue membra in rapida decomposizione.








Foto di zio-silen

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (www.palermodintorni.blogspot.com).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Palermo era una città di grande cultura e i suoi teatri lo dimostrano, compresi tanti altri non raffigurati nelle foto, ma oggi che ne è? Solo il Massimo, dopo tante vicissitudini lavora, il Biondo è in gravi difficoltà e a rischio chiusura, il Teatro Nazionale (ex Kursaal Biondo) ridotto a sala Bingo. Palermo dopo le velleità di città "Europea" oggi cosa sei? Solo simbolo del sottosviluppo e della inefficienza.