martedì 14 aprile 2009

RINSANGUERA' LE SUE VENE IL CUORE (L'angolo della poesia)

All'angolo della strada
una mano tesa chiede la carità.
Ad ogni angolo di strada
tante mani tese
chiedono,
chiedono un segno d'amore.
Il cuore impietrito
volge altrove lo sguardo.
Lamentose voci si levano
dagli angoli delle strade
e pianto di bimbi
e grida di dolore.
Ma il cuore impietrito
ha strappato gli occhi e gli orecchi
per non vedere, per non sentire,
voce non ha per gridare
per ribellarsi a tanta miseria.
Indifferenza o paura?
Teme la derisione
se pietoso si china
a raccogliere la gruccia ad un monco,
se paterno accarezza il viso di un bimbo,
se sorride commosso a uno sguardo fanciullo.
Teme di mostrare se stesso
qual è: generoso, tenero, amabile,
e rovinosa l'acqua del torrente
lo trascina con
gli dà tregua,
sicchè fermarsi non può
a sollevare chi cade,
a confortare chi muore.
Vive sospeso in uno spazio senza tempo
senza ieri,
senza domani.
Dissanguate le vene,
il cuore non batte più alla vista di un fiore,
di una colomba
che le candide ali libra nel cielo sereno,
di albe, di tramonti di sogno.
Non ha tempo
per asciugare le lacrime di commozione
sa nutrire l'anima
del prezioso nettare dell'amore.
Amore
divenuto astrazione di ogni sentimento.
Tuttavia
ho fede che torni fanciullo
quel cuore
e risalita la corrente
s'accorga dell'erbe e dei fiori calpestati
e pentito pianga lacrime
che il sole asciugherà sulle sue guance
con morbida carezza di vento.
Rifarà la strada percorsa così in fretta
e rinsanguerà le sue vene, il cuore,
bevendo alle sorgenti
scaturite dal pianto di chi soffre.

Versi di Melany

Nessun commento: